Un Natale sospeso

Caro lettore di certo questo titolo fortemente introduttivo, calza davvero a pennello, dando davvero il senso di queste festività. Difatti dal dopo guerra giungendo ai nostri giorni, credo sia la prima volta che gli italiani si trovino in una situazione davvero così particolare. Insomma uno di quelli accadimenti storici da raccontare ai posteri. Non ponendo minimamente in paragone, viste le due situazioni completamente diverse, l’austerity degli anni settanta. Comunque il Natale deve essere onorato. Una tradizione fondamentale che non deve assolutamente passare inosservata benché meno quest’anno. Ecco perché sono qui a dirvi che nonostante tutto si può fare di più. Difatti avrei pensato a una serie d’iniziative per dare a molte più persone la possibilità di festeggiare questo momento importante, soprattutto perché tutti hanno il diritto ad essere felici, soprattutto in questo periodo dell’anno. Anche per non far pesare ai più piccini questa situazione. Tra le possibili idee, un centro raccolta addobbi natalizi usati. Insomma un polo logistico per la cernita di luminarie in disuso, ovviamente perfettamente funzionanti ed in ottimo stato, da poter regalare a famiglie meno fortunate. Quanti di noi ogni anno rinnovano questo tipo di abbellimento e magari mettono da parte il precedente usato pochissimo? Espandere se possibile anche a presepi e alberi in eccellenti condizioni. Come tradizione molti si recheranno a fare compere alimentari nei supermercati o negozi di fiducia. Allora perché non donare in sospeso, panettoni, torrone, caramelle e leccornie di ogni tipo? Chiedere naturalmente previa consenso della suddetta categoria, di poter conferire a fine spesa tali prodotti, creando un punto raccolta, sul posto. Il Natale come tradizione vuole è arricchito da regali, pensieri, gesti di solidarietà. Perché dunque non organizzare una lotteria solidale in ogni città? In pratica ideare la cosa in modo tale che le somme riscosse dai vincitori mettiamo ad esempio; trenta premi in denaro, di qualsiasi cifra partendo dal premio maggiore fino ad arrivare alla somma più bassa, siano in ogni caso metà del montepremi, affinché l’altra sia devoluta in beneficenza a una famiglia bisognosa. In fine inutile precisare viste le situazioni che si dovranno tenere presenti le norme conferite dalle autorità per il contenimento della diffusione del virus, regola valida anche nel caso di applicazione dei suggerimenti sopra elencati. Queste scritte sono semplici idee. Credo quest’anno sia fondamentale, soprattutto nel momento in cui la mezzanotte farà il suo arrivo. Pensare che aver ricevuto dalla vita qualcuno che ci vuol bene, rimane senza ombra di dubbio la gioia più bella in assoluto.
Vincenzo Naturale

error: Questa pagina è protetta