Teatro Palazzo Bari e un grande appuntamento


Notizia Audio voce Mimmo Moramarco  Vietata la riproduzione podcast news

C’è un capolavoro di Molière in programma per il secondo appuntamento della stagione 2019-20 del Teatro Palazzo di Bari, diretta da Titta de Tommasi. “IL MISANTROPO”,  la celebre commedia del drammaturgo francese che mette alla berlina ipocrisie e convenzioni alla corte del Re Sole sarà in scena due volte al Palazzo, sabato 7 dicembre alle 21 e domenica 8 alle 18.30. 
 Prodotto dalla compagnia Gli Ipocriti, IL MISANTROPO per la regia di Nora Venturini (traduzione di Cesare Garboli) è stato uno dei successi dell’ultima stagione teatrale, con due protagonisti come Giulio Scarpati e Valeria Solarino che sanno calarsi al meglio nei panni dei protagonisti Alceste e Celimene. Lui è un uomo intransigente, dai rigidi principi, che disprezza facezie e superficialità che impregnano la società dell’epoca. Si indigna per ciò che desidera, soffre muovendosi in una società dove l’apparenza prevale sui valori. La donna della quale è innamorato, la bella Celimene è, all’opposto, la signora dei salotti, civettuola e seducente, diversa da lui in tutto:  visione del mondo, stile di vita, idea dei rapporti umani. È circondato da molti spasimanti, che si diverte ad attrarre e respingere. Non vuole rinunciare a nulla: né all’amore esclusivo di Alceste, tantomeno al balletto di seduzione di cui è regina incontrastata.

Una incompatibilità che diventa fattore di attrazione: “Li spinge l’uno verso l’altro, Alceste e Colimene sono tragici e comici insieme – spiega la regista Nora Venturini – sono nostri contemporanei come coppia sentimentalmente impossibile: non si capiscono ma si amano, si sfuggono ma si cercano, si detestano eppure faticano a separarsi. Sono un uomo e una donna di oggi, con torti e ragioni equamente distribuiti, protervi nel non cedere alle richieste dell’altro, attaccati tenacemente alle proprie scelte di vita, in perenne conflitto tra loro”.

Uno spettacolo in continuo equilibrio tra commedia e tragedia in cui l’aspetto privato del tormento amoroso convive con  quello sociale, perché ne evidenzia il fattore umano e ce lo rende sempre attuale a distanza di secoli. Attorno ai due protagonisti in scena si muove un carosello di tipi umani, dal politico insulso con velleità da scrittore ai giovani nobili modaioli, fino alla dama di carità ipocrita e bigotta. Nei loro difetti possiamo riconoscerci e ridere di gusto; il salotto di Celimene è un teatrino in cui specchiarsi e vedere riflessi, nella superficie antica, gli slanci e le ipocrisie che ogni spettatore sperimenta ogni giorno.

Completano il cast Blas Roca Rey (nel ruolo dell’amico di Alceste, Filinto), Anna Ferraioli (Arsinoè), Matteo Quinzi (Oronte, Basco, Du Bois), Federica Zacchia (Eliante), Mauro Lamanna (Acaste) e Matteo Zecchi Clitandro). Le scene sono curate da Luigi Ferrigno, luci di Raffaele Perin, musiche di Marco Schiavoni e costumi di Marianna Carbone.

Giulio Scarpati e Valeria Solarino hanno già dimostrato grande affiatamento in scena interpretando i ruoli che furono di Marcello Mastroianni e Sophia Loren in Una giornata particolare, altro recente successo teatrale sempre per la regia di Nora Venturini.


Bio – Giulio Scarpati è attore di teatro, cinema e tv. Sul finire degli anni ’70 con la Cooperativa teatro G. si cimenta in testi di Goldoni e Diderot. Il suo primo successo in palcoscenico è Le esperienze di Guglielmo Meister, tratto dal romanzo Gli anni di apprendistato di Wilhelm Meister di Goethe. Poi arrivano Il trionfo dell’amore di Pierre de Marivaux, Orfani di Lyle Kessler e Piccola città di Thornton Wilder. Si succedono collaborazioni illustri con, tra gli altri, Giuseppe Patroni Griffi e Maurizio Scaparro. C’è anche la commedia musicale nel ricco curriculum teatrale con Aggiungi un posto a tavola di Garinei e Giovannini. Negli ultimi anni è stato protagonista di Oscura immensità, tratto dal noir di Massimo Carlotto per la regia di Alessandro Gassmann. Al cinema lo si ricorda in particolare nel ruolo del giudice Rosario Livatino in Il giudice ragazzino di Alessandro Di Robilant, che gli valse il David di Donatello, ma Scarpati si fa notare anche in La Riffa di Francesco Laudadio, Pasolini, un delitto italiano di Marco Tullio Giordana e Cuori al verde di Giuseppe Piccioni. A regalargli grande popolarità è il ruolo di Lele Martini nella fiction Rai Un medico in famiglia.

Valeria Solarino, nata in Venezuela da padre siciliano e madre torinese, esordisce al cinema a 24 anni nel 2002, scelta per un piccolo ruolo da Mimmo Calopresti in La felicità non costa niente. A trasmetterle l’amore per il teatro è la madre attrice: quasi contemporaneo è il debutto teatrale in Sogno di una periferia, regia di Aldo Turco. Tanti i ruoli in pochi anni, Fame chimica, La febbre di D’Alatri, Viaggio segreto di Roberto Andò. Con Valzer di Salvatore Maira si aggiudica il Premio Pasinetti al festival di  Venezia 2007, l’anno dopo arriva la prima nomination ai David grazie a Signorina Effe di Wilma Labate; grandi riconoscimenti anche per l’interpretazione di Angela in Viola di mare. Ha incarnato Anita Garibaldi nell’omonima fiction Rai del 2012. A teatro, prima di interpretare Una giornata particolare, è stata protagonista di Signorina Giulia di Strindberg, di Vocazione/Set diretta da Gabriele Vacis e di Palamede – L’eroe cancellato, per la regia di Alessandro Baricco.

I biglietti, dai 30 ai 36 euro, sono in vendita al botteghino del Teatro Palazzo (c.so Sonnino 142/D), aperto dal martedì al sabato dalle 17 alle 21 (info 080/97.53.364 – 366/1916.284, si prega di riportare entrambi i numeri di telefono per le info, info@teatropalazzo.com),  nel circuito Vivaticket, nei punti vendita autorizzati e alla libreria Feltrinelli di Bari.  I biglietti sono acquistabili anche con la Carta del Docente. www.teatropalazzo.com

Condividi questo articolo
RSS
Facebook
Twitter
INSTAGRAM
Pinterest
LinkedIn
Follow by Email
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial