Inchiesta corruzione a Potenza


Notizia Audio voce Mimmo Moramarco  Vietata la riproduzione podcast news

Confermate dal Tribunale del riesame di Potenza le misure della custodia cautelare ai domiciliari per due delle tre persone coinvolte a vario titolo nell’inchiesta della Procura del capoluogo lucano su presunte mazzette, corruzione in atti giudiziari e traffico di influenze illecite, revocandola invece per un terzo indagato. In particolare il Riesame ha confermato i domiciliari per l’avvocato Raffaele Mario De Bonis e per il luogotenente della Guardia di Finanza Paolo D’Apolito. Per Biagio Di Lascio, componente dello staff dell’ex governatore Marcello Pittella, i domiciliari sono stati invece revocati: i giudici hanno anche revocato il sequestro di pc e cellulari a una dirigente di banca.

Condividi questo articolo
RSS
Facebook
Twitter
INSTAGRAM
Pinterest
LinkedIn
Follow by Email
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial