Frode in agricoltura, indagati 5 avvocati

La Guardia di Finanza ha eseguito perquisizioni in diversi studi legali in varie città italiane nell’ambito di un’indagine su una presunta truffa in agricoltura. L’inchiesta, è stata avviata a seguito di una denuncia presentata dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. Le perquisizioni sono state disposte nell’ambito di una indagine su presunte truffe ai danni della Regione Puglia in relazione a contenziosi legali per ottenere contributi agricoli. Sono state eseguite in tre città: Bari, Napoli e Cosenza. Sono sette gli indagati, cinque avvocati e i familiari di uno di loro, accusati a vario titolo di associazione per delinquere, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, falso materiale e ideologico e autoriciclaggio. Gli avvocati indagati sono i baresi Michele Primavera (con suo figlio Enrico Domenico e la moglie Anna Maria Deruvo), Oronzo Panebianco e Francesca Fiore, Assunta Iorio con studio legale a Napoli e Salvatore Lanciano, di 47 anni, di Cassano allo Ionio con studio a Napoli. Nell’inchiesta della Procura di Bari, coordinata dal procuratore aggiunto Roberto Rossi e dal sostituto Francesco Bretone, sono indagate anche tre società, oggi destinatarie di perquisizioni da parte della Guardia di Finanza. Si tratta di Giuriconcilia & service srl, Giuristudio srl e Polo Immobiliare D’Eccellenza Srl, tutte e tre con sede a Bari in via Calefati 61/A. La presunta frode ammonterebbe a più di 20 milioni di euro. Stando a quanto accertato dalla Guardia di Finanza, le legittime pretese degli agricoltori, relative a contributi risalenti agli anni Novanta ma non erogati dall’ente, sarebbero state gestite da avvocati che, d’accordo tra loro, avevano messo in piedi un sistema per far aumentare in modo esponenziale le spese legali. In particolare, con la regia dello studio legale Primavera di Bari, gli avvocati indagati avrebbero avviato, per ciascun agricoltore destinatario dei contributi, tanti contenziosi quante erano le annualità per le quali spettavano i fondi anziché avviare un solo procedimento per ciascun richiedente. Avrebbero cioè spacchettato le cause moltiplicando così i propri compensi. I fatti contestati fanno riferimento agli anni 2006-2018. La contestazione di autoriciclaggio farebbe invece riferimento all’impiego dei proventi della truffa nell’acquisto di beni immobili attraverso una società immobiliare della famiglia Primavera./A. (Ansa)