Finanziati altri progetti lucani con 16mln di euro e tra questi la lotta al caporalato


Notizia Audio voce Mimmo Moramarco  Vietata la riproduzione podcast news

Sono 708 i migranti ospitati nei 7 centri di permanenza per i rimpatri (bari, Brindisi, Caltanissetta, Roma, Torino, Potenza e Trapani). Nei prossimi mesi si prevede di attivare Cpr per una disponibilità complessiva di circa 300 posti e sono state anche avviate le attività per realizzare altre strutture per un totale di 160 posti. Lo ha detto la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, in audizione al Comitato Schengen, e che il prossimo 12 novembre sarà a Potenza al Campus di Macchia Romana

Intanto sui temi della lotta al caporalato e allo sfruttamento lavorativo in agricoltura. Si è svolto a Roma un incontro operativo presso l’Oli, l’agenzia dell’Onu.
Si è discusso anche dei progetti finanziati in Basilicata, rende noto Pietro Simonetti del Tavolo Nazionale Anticaporalato/Ministero Lavoro.

Degli 80 milioni di fondi Ue oltre a quelli del Pon legalità che riguardano in particolare il Sud, oltre 16 milioni di euro sono stati approvati in Basilicata, per interventi di inclusione di migranti, occupazione di giovani lucani e recupero di beni demaniali .

Condividi questo articolo
RSS
Facebook
Twitter
INSTAGRAM
Pinterest
LinkedIn
Follow by Email
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial