Dal M5S Altamura l’invito ad un tavolo tecnico sull’insostenibile questione rifiuti (VIDEO)

La questione rifiuti ad Altamura continua a tenere vivo il dibattito politico e anche parecchi dissapori nell’opinione pubblica sull’apparente o voluta “non presenza” dell’Amministrazione Melodia che continua ad ignorare il malcontento di tanti concittadini sull’operato della Teknoservice. A tale proposito arriva l’invito del Movimento 5 stelle di Altamura che, tramite l’On. Masi , ha proposto un tavolo tecnico per contrastare l’abbandono dei rifiuti nelle zone periferiche della Città. Non è la prima volta che Altamura si ritrova a combattere questo fenomeno e tutto diventa “un emergenza” quando poi si aggiunge “la mala gestione della cosa pubblica” delle Amministrazioni comunali.

L’Onorevole Masi propone un tavolo tecnico con tutti i diretti interessati e responsabili di questo increscioso fenomeno che investe da tempo Altamura , incentivato anche dal “lassismo” dell’attuale amministrazione comunale. Il fine dell’On. Masi è quello di trovare “una quadra” tra amministrazione comunale, polizia locale, guardie forestali, impresa teknoservice, associazioni, istituzioni della città metropolitana, regionali e nazionali e Parco dell’Alta Murgia, oltre a far partire una massiccia campagna di sensibilizzazione a livello mediatico prevista da capitolato dell’ARO Bari 4 . Da non escludere anche altre strategie e strumenti alternativi che coinvolgano l’intera cittadinanza altamurana e che si esportino in altri comuni che fanno parte dello stesso bacino.

Infine, il gruppo del Movimento 5 stelle si prepara a presentare un’interpellanza su alcuni disservizi della ditta incaricata ad Altamura sui rifiuti e si auspica che questo tavolo di concertazione venga presentato in tempi brevi per la situazione non più sostenibile per il nostro territorio e che non coinvolge solo Altamura.

Non è la prima volta che ci si occupa di rifiuti ad Altamura e in tempi non sospetti anche in periferia nello stesso territorio altamurano come si vede dal video a seguire (Edioriale di tre anni fa drammaticamente attuale ) . Ma in tutte le occasioni (oggi più di prima per manifesta incapacità politica ) la questione è sempre passata inosservata anche per questioni di interesse e al solo ed esclusivo danno della collettività