Arresti a Gravina in Puglia : tre insospettabilicustodivano armi e droga

Tre insospettabili, due coniugi ed una terza persona custodivano armi e droga nelle  rispettive abitazioni di Gravina in Puglia.

E’ questo l’esito di un’operazione di controllo straordinario del territorio condotta da circa 20 Carabinieri di Gravina in Puglia, della Compagnia di  Altamura (BA) e da un’unità cinofila di Modugno (BA), i quali, all’alba di questa mattina, dopo aver sviluppato una capillare attività info investigativa, hanno rinvenuto nel corso di perquisizioni locali e personali un ingente quantitativo di stupefacente di tipo hashish, cocaina ed armi.

Nel primo caso, i Carabinieri, dopo aver fatto accesso nell’appartamento di un 62enne del luogo, operatore ecologico e della moglie, casalinga 55enne, entrambi incensurati, occultati all’interno di un beauty-case riposto nel bagno, hanno  rinvenuto tre involucri contenenti complessivamente circa 85 grammi di cocaina e n.1 panetto di hashish del peso di 100 grammi, nonché vario materiale utile per il peso e confezionamento della sostanza mentre, nella cassaforte, ancorata all’interno dell’armadio della camera da letto, in un sacchetto in cellophane, erano occultate  3 pistole cal. 75 detenute illegalmente (una con matricola abrasa, una provento di furto ed una non censita sul conto della quale sono in corso ulteriori accertamenti),  n. 87 cartucce dello stesso calibro e  17.200,00 euro in contanti di cui i coniugi non sono stati in grado di giustificare il possesso.

Nell’ambito della stessa operazione, i militari hanno eseguito un’ulteriore perquisizione nell’abitazione di un 69enne del luogo, incensurato, rinvenendo in un locale di pertinenza,  10 panetti di hashish del peso complessivo di 1 kg e 300 grammi, nonché materiale utile per il confezionamento dello stupefacente del quale il pensionato non è stato in grado di fornire valide giustificazioni.

I coniugi, pur ammettendo le loro responsabilità, non hanno fornito ulteriori elementi sulla provenienza dello stupefacente e delle armi pertanto, al termine dell’attività,  sono stati arrestati e sottoposti agli arresti domiciliari con l’accusa  di detenzione di ingenti quantità di sostanza stupefacente ai fini di spaccio, detenzione illegale e ricettazione di armi. Anche per il terzo accusato, che dovrà rispondere dell’illecita detenzione dello stupefacente, sono scattati gli arresti domiciliari su disposizione della Procura della Repubblica di Bari che coordina le indagini.