Ad Andria armi da guerra due arresti

Notizia Audio voce Mimmo Moramarco  Vietata la riproduzione podcast news

I carabinieri di Andria (Bt) hanno arrestato per detenzione illegale di armi da fuoco in concorso, con l’aggravante del metodo mafioso, due fratelli, Pietro e Valerio Capogna, figli del boss Capogna assassinato il 25 luglio dello scorso anno. Pietro Capogna, 43 anni, già detenuto nel carcere di Teramo, e Valerio, 27, erano in procinto di vendicare la morte del padre con l’uso di armi da guerra, tra cui un kalashnikov, e volevano colpire esponenti storici della criminalità organizzata andriese.

Condividi questo articolo
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial